Carro armato M13/40 -torretta telemetrica-

Costruito sullo scafo dell'M13/40, tale mezzo aveva il compito di dirigere il tiro di artiglieria delle batterie semoventi. Questa funzione fu invece data come ripiego ai carri comando, in attesa del carro M13/40 con torretta telemetrica, mai avviato alla produzione di serie. La struttura dello scafo e' uguale a quella dei carri M13, ad eccezione della torretta. Il portellino di accesso era cilindrico con doppio sportello; Il cielo della torretta presentava una gobba che era inbullonata allo stesso ed aveva la funzione di alloggiare internamente la testa del telemetrista. Il telemetro era fissato sul davanti della torretta; le estremita' del telemetro, dove risiedeva la parte ottica, trovavano alloggiamento in due orecchioni provvisti di feritorie per permettere la visuale e quindi stabilire la distanza del bersaglio. Sulla torretta c'era anche un cannone finto (presumibilmente di legno) e una mitragliatrice coassiale Breda da 8mm.

Dati caratteristici
Modello in scala 1/35 diGiovanni Chegia

peso 15,5 t
motore SPA 8TM40, diesel 8 clindri a V
velocitÓ 31 Km/h
lunghezza 4,915 m
larghezza 2,200 m
altezza 2,620 m
armamento 3 mitragliatrici Breda 38
equipaggio 4 persone